closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Solo il papa s’indigna per la strage dei profughi sciiti in Siria

Strage sulla via della fuga. Arrivato a 120 il conto delle vittime nell'attentato di sabato scorso. Secondo l'Unicef 60 sono bambini

Nel silenzio internazionale continua a salire il numero delle vittime dell'attentato di sabato a Rashidin, area a ovest di Aleppo: un’autobomba (un pick up imbottito di esplosivo che si fingeva parte del convoglio di aiuti) è esplosa vicino ai 70 autobus e le 20 ambulanze che stavano evacuando i villaggi sciiti di Fua e Kefraya dopo un accordo tra governo e opposizioni. A tre giorni dalla strage solo il papa ha pianto e ricordato le 120 vittime nel giorno di Pasqua. Interviene anche l’Unicef che ieri ha dato il bilancio dei bambini uccisi (le vittime sono per lo più donne,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi