closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Internazionale

Snowden: «Putin ha eluso la mia domanda»

Ucraina/Russia. L’ex analista commenta sul Guardian

Edward Snowden in video alla conferenza stampa di Putin

Edward Snowden in video alla conferenza stampa di Putin

Quando Edward Snowden ha effettuato, attraverso un video, la sua domanda a Vladimir Putin durante la conferenza stampa del presidente russo, abbiamo tutti storto un po’ il naso. È apparso un gesto piuttosto equivoco, che sicuramente non avrebbe aiutato chi difende Snowden dalle accuse di essere protetto e di essere oggetto della propaganda putiniana.

La sua domanda (se anche in Russia esiste qualcosa di simile alla Nsa), aveva ottenuto una risposta piuttosto scontata da Putin, secondo il quale la Russia effettua operazioni di intelligence sotto stretta osservazione della legge. Apriti cielo, chi aveva qualche sassolino nella scarpe, specie alcuni media italiani già delusi dall’assegnazione del Pulitzer a Greenwald, ottenuto proprio grazie alle rilevazioni di Snowden, ha potuto sospettare e comunicare questi dubbi, su quanto l’ex agente possa considerarsi una sorta di pupazzo propagandistico nelle mani di Putin.

Ieri in realtà Snowden ha rilasciato un articolo sul Guardian in cui ha spiegato le ragioni della sua domanda e il suo intento. Come ha suggerito un ottimo osservatore di tutto lo scandalo Datagate, Fabio Chiusi (sul Messaggero veneto, nel blog «Chiusi nella rete») in realtà, in gergo, si può sostenere che Snowden abbia «trollato» Putin. Una sorta di atteggiamento perfido (ma intelligente e utile), che ha portato Putin a esporsi, nel non rispondere.

Nella negazione di Putin, ha scritto Snowden sul Guardian, ci sono varie incongruenze e secondo l’ex analista americano, il fatto di non aver raccontato la verità dovrebbe essere una sorta di spinta a fare luce sulle pratiche di sorveglianza anche della Russia.

«Sono rimasto sorpreso – ha scritto Snowden – che persone che mi hanno visto rischiare la vita per esporre le pratiche di sorveglianza del mio paese possano credere che io non possa invece criticare anche le politiche di sorveglianza della Russia. Mi dispiace che la mia domanda sia stata male interpretata e che abbia permesso a a molti di ignorare il merito della questione – e la risposta evasiva di Putin – al fine di speculare selvaggiamente e non correttamente, sui motivi che avevo per porre la questione».


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna