closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Siria, salto all’indietro

Medio Oriente. La mancata intesa tra Mosca e Washington sembra aver riportato il quadro della crisi siriana indietro di 3-4 anni. L'opposizione "moderata" presenta un piano lontano dalla realtà

Riyad Hijab, coordinatore dell'opposizione

Riyad Hijab, coordinatore dell'opposizione "moderata" siriana

Il nulla di fatto sulla Siria al G20 di Hangzhou e la mancata intesa tra Russia e Usa sul cessate il fuoco hanno avuto l'effetto di riportare indietro di 3-4 anni il quadro della crisi siriana. Si torna a parlare di attacchi chimici da parte delle forze governative, si invocano "reazioni internazionali", si intima a Bashar Assad di uscire subito di scena e i curdi sono di nuovo abbandonati per compiacere il sultano turco Erdogan. Ed è riapparsa anche l'opposizione "moderata" siriana, l'Alto Comitato per i Negoziati (ACN), di cui non si avevano notizie da un po' di tempo, che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.