closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Sinopharm, il successo di Pechino passa dalla Serbia

Intervista. «Belgrado si è rivolta alla Cina per provocare una reazione dell’Ue. Da una parte, cerca di ottenere quanti più vaccini possibili, dall’altra gioca a mettere contro potenze occidentali e non per vedere da chi può trarre maggior profitto», spiega Vuk Vuksanovic, dottorando in Relazioni Internazionali alla London School of Economics

Ospedale di Belgrado, si preparano le siringhe con il vaccino Sinopharm, in basso Vuk Vuksanovic

Ospedale di Belgrado, si preparano le siringhe con il vaccino Sinopharm, in basso Vuk Vuksanovic

Con più di 600mila dosi di vaccino somministrate, la Serbia è il secondo Paese in Europa per numero di vaccinati in rapporto alla popolazione. Un successo dietro cui si cela principalmente Pechino che ha inviato a Belgrado due carichi di vaccini Sinopharm, l’ultimo dei quali arrivato mercoledì sera, per un totale di 1,5 milioni di dosi. Dopo la Serbia, primo Stato europeo a inoculare il Sinopharm, anche altri Paesi della regione iniziano a valutare l’opzione cinese. Vuk Vuksanovic, dottorando in Relazioni Internazionali alla London School of Economics, spiega le implicazioni geopolitiche della strategia di Belgrado nella campagna di vaccinazione di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.