closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Simona Molinari prende un caffè con Ella

Intervista. La cantante napoletana celebra gli standard americani e i suoi interpreti in un album appena pubblicato dal titolo «Casa mia»

Simona Molinari

Simona Molinari

La ragazza ha coraggio. Perché se è anche vero che Simona Molinari, due Sanremo alle spalle tanta gavetta, molti jazz club, il genere lo bazzica da tempo, ma misurarsi con il repertorio degli standard, è impresa da far tremare i polsi. Casa mia - titolo italiano per un disco composto da dieci classici come A Tisket a Tasket, la filastrocca anni ’40 diventata un must del repertorio di Ella Fitzgerald, o Smoke gets in your eyes dalla penna di Jerome Kern, hit dei Platters «ma io amo maggiormente la versione di Dinah Washington», spiega, sembra una scelta un po’ controcorrente....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi