closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Simon Boccanegra, l’opera è bifronte

Opera. Ultima replica stasera alla Scala del controverso melodramma verdiano. Dirige Myung-Whun Chung, regia di Federico Tiezzi

Di Simon Boccanegra, stasera ultima replica alla Scala, Giuseppe Verdi diceva: «Gli ho voluto bene come si vuol bene al figlio gobbo». Si tratta di un’opera bifronte, perciò di esecuzione difficile e scivolosa, frutto di due sfide compositive: la prima nel 1857 a Venezia, la seconda nel 1881 a Milano. Cambiamenti radicali sono intervenuti nella poetica verdiana nel tempo trascorso fra le due versioni, cosicché l’attuale Boccanegra si presenta come un palinsesto dove il vecchio e il nuovo si sovrappongono, tentando, come già in Macbeth, una sintesi avventurosa e a tratti impossibile tra l’articolazione tradizionale in forme chiuse (arie duetti,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.