closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Silenzio, suona Keith Jarrett…

Musica. Minuto, vestito di nero con pantaloni e camicia più grandi, quasi cadenti, il pianista - rituali e filosofie maniacali a parte, ha regalato ai presenti due intensi set e tre bis

Keith Jarrett

Keith Jarrett

La sala buia, lo strumento illuminato, gli spettatori applaudono. Entra Keith Jarrett – vestito di nero – e si avvia con fatica verso il piano Steinway & Sons, quasi dovesse domarlo, raccogliendo i pensieri prima di lanciarsi nella composizione istantanea che è una lotta, dentro e fuori di sé. Siamo nella sala S.Cecilia del romano Parco della Musica, sono le 19 dell’11 luglio ed il pubblico è folto, motivato, pagante e plaudente come sempre nel caso di Jarrett. Prima che inizino le note c’è tutto il complesso ed un po’ maniacale rito delle raccomandazioni: <<Il concerto è del tutto improvvisato…...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.