closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Sik e Sabuncu liberi: dopo 440 giorni rilasciati i giornalisti di Cumhuriyet

Turchia. Libertà in attesa della sentenza di un processo emblematico. L'accusa: sostegno a organizzazione terroristica. Eppure il reporter del quotidiano di opposizione fu il primo a svelare le infiltrazioni di Gulen nello Stato turco

Il giornalista investigativo turco Ahmet Sik

Il giornalista investigativo turco Ahmet Sik

L'ennesima udienza del processo al quotidiano Cuhmuriyet, tenuta venerdì fino a tarda serata, si è conclusa con la scarcerazione di nomi pesanti, quelli del caporedattore Murat Sabuncu e del giornalista investigativo Ahmet Sik. I due giornalisti riottengono la libertà dopo oltre 440 giorni di detenzione preventiva. Dei 18 tra giornalisti, dirigenti e impiegati del quotidiano, Sabuncu e Sik sono gli ultimi due di un gruppo di ostaggi a cui lentamente viene concesso il temporaneo – ma dovuto, c'è una sentenza costituzionale – rilascio. Soltanto uno ancora attende: Akin Atalay, presidente del consiglio esecutivo del giornale, che rimane in carcere e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.