closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Si torna in classe d’estate, su base volontaria

Il caso. Stanziati oltre 500 milioni. Cercarsi volontari tra docenti e studenti per stare in classe e fuori da giugno a agosto

La scuola da giugno a agosto è un’ossessione del governo. Draghi ha lanciato l’idea nel discorso sulla fiducia. La proposta è stata raccolta dal ministro dell’istruzione Bianchi che intende realizzare il suo progetto dei «patti educativi di comunità». Prima sembrava obbligatoria, ma si è scelta la formula: su base volontaria. Stanziati oltre 500 milioni di euro. Il piano delle attività è ricavato dall’abecedario del fanatismo pedagogico neoliberale. Dopo avere passato 14 mesi tra Dad e classe, a seconda delle convenienze dei governi e in mancanza di una vera conoscenza sui dati epidemiologici fuori e dentro la scuola, ora gli studenti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi