closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Si muore ancora nella Chinatown pratese

Lavoro da morire. Il malore fatale di una donna di 50 anni in un maglificio di Comeana accende di nuovo i riflettori sul comparto cinese del tessile. Più della metà delle aziende oggi in regola, ma quattro ditte su dieci sono ancora insicure, con lavoro nero, e con prestanomi per farle sparire in fretta in caso di controlli.

La vignetta di Biani dopo il rogo al Macrolotto

La vignetta di Biani dopo il rogo al Macrolotto

Anche se l'autopsia confermerà che è morta per cause naturali, la donna cinese di 50 anni trovata cadavere nel bagno di un maglificio di Comeana ha fatto riaccendere le luci sulla Chinatown pratese. Con l'arrivo dell'ambulanza sono arrivati anche i tecnici della Asl e i finanzieri, che hanno rilevato come all’interno dell’azienda gli operai vivessero in un dormitorio al primo piano, mentre al piano terreno lavoravano almeno trenta operai. Di questi, solo sei o sette, in regola con il permesso di soggiorno, hanno testimoniato che la donna non aveva chiesto loro aiuto e sembrava in buone condizioni. Degli altri lavoratori...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.