closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Sì al Jobs act, ma i dissidenti dicono 33

Democrack. Le opposizioni lasciano l’aula. Nel Pd in 29 non votano, due no e due astenuti. Maggioranza a quota 316, mai così in basso. Fassina: Renzi alimenta tensioni sovversive e corporative

Hanno lavorato per giorni per inventarsi un dissenso soft, che non facesse troppo male al Pd che resta - nella quasi totalità dei casi - il loro partito. E invece alla fine hanno scatenato un gran cancan. Ieri alla camera al momento del voto del jobs act la minoranza Pd coté non-allineati e irriducibili a Renzi non partecipa al voto. Ma le altre opposizioni li avevano preceduti fuori dall’aula. L’idea è partita da Forza Italia, il tentativo era solo dimostrativo, far mancare il numero legale. Non succede, ma alla fine la legge delega passa con soli 316 sì. Per il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.