closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Shahrbanoo Sadat, in Afghanistan oggi non c’è posto per le donne

Intervista. La fuga da Kabul, i media Usa, la libertà creativa, una conversazione con la regista afghana ospite del festival di Villa Medici. Insieme a molta parte della sua famiglia è ora rifugiata a Amburgo

Ci sono volute 72 ore a Shahrbanoo Sadat e alla sua famiglia per entrare nell'areoporto di Kabul, 72 ore da quando tutti insieme – una ventina di persone – hanno lasciato il suo appartamento prendendo con sé solo poche cose, del cibo, qualche vestito. Era il 20 agosto, i talebani erano da pochi giorni entrati nella capitale, la sua casa tra quella di tutti era la più vicina allo scalo: «Se fossimo stati da un'altra parte muoversi sarebbe diventato impossibile». Oggi, quando ci incontriamo a Roma nel corso del festival di Villa Medici, che si è concluso qualche giorno fa,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.