closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Sgomberi con furore, sindaca Raggi batti un colpo

Centri sociali. Ormai a Roma è in corso una battuta di caccia contro tutte quelle esperienze sociali e culturali che negli anni sono diventate un prezioso tessuto di sostegno, animazione e coesione

Era dall’aprile del ’43 che non si vedeva uno schieramento militare di quelle proporzioni. Da quell’alba tragica in cui venne attaccato e rastrellato un intero quartiere di Roma, il Quadraro, che il maggiore Kappler cinicamente definiva «nido di vespe». E ieri da quelle parti si è consumata un’altra alba tragica. Sono arrivati in trecento tra agenti di polizia, carabinieri, vigili urbani e personale vario, a bordo di blindati, idranti e perfino una ruspa. Hanno allestito un piano di battaglia, bloccando le strade e impedendo accessi e transiti. Obiettivo, schiacciare un altro nido di vespe. Sgombrare, sequestrare e sigillare il centro...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi