closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Sfrigolio di un lapis sul foglio e impasto luminoso del colore: cento anni di FILA

Eccellenze italiane. Matite in grafite, pastelli Giotto, Pongo alla Matisse, DAS... La popolare ditta fiorentina esalta in un libro «d’artista» la (perduta?) materialità dello scrivere, del disegnare, del tracciare, del toccare

Storica «vignetta» su un volantino pubblicitario della FILA, 1956

Storica «vignetta» su un volantino pubblicitario della FILA, 1956

Cent’anni di FILA è il primo dei tanti calembour dei quali è disseminato questo vivacissimo volume (1920-2020 Cent’anni di FILA Un secolo di colore, di lapis ed affini, Corraini, pp. 240, e 28,00) ideato da Valerio Millefoglie e Andrea Antinori per celebrare il centenario della famosa ditta il cui nome sta, appunto, per Fabbrica Italiana Lapis e Affini. Fondata a Firenze il 23 giugno del 1920, uscì dalla testa dei suoi padri già compiuta, come una Minerva con una matita in luogo dell’asta. Infatti, fin dal 1921, da quell’Affini che campeggiava nel titolo era spiccata tutta una fragorosa varietà di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi