closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Sfratto all’ambulatorio di Riace, ma «noi non molliamo»

Intervista al dottor Isidoro Napoli. Il Comune caccia il presidio gratuito, ma il medico che l’ha aperto rilancia: «La salute è un diritto inalienabile, un bene assoluto che non può essere sacrificato sull’altare di logiche meschine. Da qui non ce ne andiamo, abbiamo già trovato un nuovo locale, una vecchia falegnameria del paese»

Rimosso il cartello «Paese dell’accoglienza», il sindaco leghista Antonio Trifoli inaugura quello nuovo

Rimosso il cartello «Paese dell’accoglienza», il sindaco leghista Antonio Trifoli inaugura quello nuovo

Dopo aver eliminato i cartelli di benvenuto «Riace, città dell’accoglienza», demolito la “fattoria didattica”, cancellato i murales civili, il neo sindaco di Riace, il leghista Antonio Trifoli (in attesa della sentenza che lo dichiari ineleggibile, nel processo in corso a Locri) continua la sua personale opera di “delucanizzazione” del borgo jonico. Fa campagna elettorale per conto terzi (leggi Salvini) in vista delle regionali e ordina lo sfratto dell’ambulatorio sociale che “il “medico dei poveri”, Isidoro Napoli detto Sisì, e la cooperativa Jimuel hanno aperto a Riace qualche anno fa e che l’allora sindaco Domenico Lucano aveva ospitato nel palazzo del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.