closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Sette mesi di silenzi sul caso di Mario Paciolla

«Hola soy Mario, soy italiano, soy de Napoles. Un abrazooo», sono le poche frasi pronunciate da Mario Paciolla in un video condiviso dal Comitato informale Giustizia per Mario Paciolla. Mario seduto al tavolino di un bar con amici, in una piazza, sorridente. Un frammento di vita quotidiana, che permette di avvicinarsi a lui non solo attraverso le sue parole e i suoi articoli ma anche attraverso il suoi gesti e il suo corpo. Sono passati sette mesi dalla notte in cui Mario, lavoratore della Missione di Verifica degli Accordi di Pace in Colombia, è stato ritrovato impiccato nella sua casa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi