closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Settantaquattro anni vissuti pericolosamente

Il lungo addio. Un matrimonio di interesse finito «a pesci in faccia». Da Winston Churchill a Boris Johnson, cosa resta dello «splendido isolamento» britannico

L’incontro degli operai inglesi e francesi sotto l’Eurotunnel il 1 dicembre 1990, in basso Edward Heath, Jeremy Thorpe e Roy Jenkins alla prima conferenza stampa della Gran Bretagna in Europa  il 13 maggio 1975

L’incontro degli operai inglesi e francesi sotto l’Eurotunnel il 1 dicembre 1990, in basso Edward Heath, Jeremy Thorpe e Roy Jenkins alla prima conferenza stampa della Gran Bretagna in Europa il 13 maggio 1975

È una storia tumultuosa e fluttuante durata 74 anni, con tutto il peso di un passato millenario di diplomazia, alleanze e conflitti tra stati del vecchio continente. Le relazioni tra la Gran Bretagna e il lungo percorso della costruzione europea, nel dopoguerra - ben prima che nascesse la Cee poi diventata Ue - sono fatte di reticenze e diffidenze, che Londra ha disegnato sullo sfondo dell’illusione di poter confermare lo “splendido isolamento” grazie alla forza dello “spirito del 1940”. Una storia di un matrimonio di ragione giunta a una nuova svolta il 31 dicembre a mezzanotte, ora di Bruxelles, con...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi