closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Settanta città in piazza contro la Dad. Mercoledì lezioni davanti agli istituti

La mobilitazione. Da Nord a Sud il movimento "Priorità alla scuola" in piazza con i Cobas e il coordinamento dei precari scuola. Il Tar del Lazio accoglie il ricorso dei genitori per la riapertura delle scuole. La riapertura in zona rossa fino alla prima media del 7 aprile "una vittoria parziale e un duro colpo al diritto all’istruzione per i ragazzi dalla seconda media in avanti". Per l'anno prossimo "vanno stabilizzati i precari, fatti veri investimenti e cambiato il Recovery fund"

Dal Piemonte alla Puglia, da Palermo a Faenza, da Napoli a Padova ieri la mobilitazione del movimento di docenti, genitori e studenti «Priorità alla scuola» contro la didattica a distanza (Dad) e per la riapertura in presenza, in sicurezza e in continuità «dal nido all’università» ha raggiunto settanta città ed è stata sostenuta da uno sciopero dei Cobas e dal coordinamento nazionale dei precari scuola. E riprenderà, instancabile, mercoledì prossimo 31 marzo con lezioni in presenza, davanti agli ingressi degli istituti. Questa lotta prosegue dall’inizio della pandemia un anno fa e chiede, mai realmente ascoltata, di stanziare immediatamente fondi per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.