closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Sessant’anni fa, il golpe della Cia

Guatemala. La Guerra fredda di Washington contro il governo Arbenz

Il 27 giugno del 1954, in Guatemala, per difendere gli interessi della multinazionale nordamericana United Fruit Company, la Cia orchestra il colpo di stato contro il governo legittimo di Jacobo Arbenz. Finisce così il ciclo progressista iniziato nel 1944 con la ribellione civico-militare che ha abbattuto la dittatura di Jorge Ubico, durata 14 anni. La giunta rivoluzionaria di governo, formata da Jorge Torriello, dal colonnello Francisco Javier Arana e dal capitano Arbenz aveva iniziato un processo di riforme democratiche, anti-oligarchiche e antimperialiste che si concretizzeranno nel corso della presidenza di Juan José Arévalo (1945-1951) e di Jacobo Arbenz (1951-1954). Durante...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi