closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Servi e potenti verso l’apocalisse

Note sparse. Con i Rossofuoco torna Giorgio Canali per un album composto da venti canzoni. Tra malinconia e incazzatura...

Giorgio Canali

Giorgio Canali

Restare fuori dalle melense consolazioni di popolo o dai siparietti che mantengono viva la maniacale visibilità di gregge, e allo stesso tempo dimostrare di essere vivi nell’imperante conformismo spettacolare, dovrebbe essere l’attitudine dell’artista. Giorgio Canali è così, senza inganni, diretto, scontroso quando esce dalle zone d’ombra e va incontro all’apocalisse. In quest’anno mefistofelico, Venti è il titolo del suo nuovo album con i Rossofuoco. Si prende tutte le libertà liriche di un cantautore, manda affanculo, liquida servi e stronzi ma nelle forme magnetiche del rock (Morire perché, Inutile e irrilevante). Le parole imperversano sul punto con iperboli poetiche e polemiche,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi