closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

«Serve più chiarezza». La mezza marcia indietro dei vescovi italiani

L'intervento del cardinale Bassetti. Nelle chiese veglie di solidarietà con le vittime dell’omobia

Non è una retromarcia quella dei vescovi italiani sul ddl Zan contro l’omotransfobia, ma un leggero cambio di rotta sì. Se infatti fino ad ora la legge era stata definita «liberticida» e pericolosa per «le scelte educative, il modo di pensare e di essere, l’esercizio di critica e di dissenso» e si chiamavano i cattolici – dentro e fuori le aule parlamentari – a fare le barricate contro l’approvazione, negli ultimi giorni il cardinale presidente della Conferenza episcopale italiane, Gualtiero Bassetti, ha fatto di dichiarazioni più concilianti. Domenica, all’uscita dalla messa per gli operatori dell’informazione nella giornata per le comunicazioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi