closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Sentenza shock: «Usando il cellulare accetti di essere intercettato»

Una corte di appello federale ha respinto il ricorso di un cittadino che si appellava al quarto emendamento (segretezza della corrispondenza) contro lo spionaggio senza mandato del governo Usa venuto alla luce col programma Prism. La sentenza della corte è un bel colpo per le agenzie di intelligence ma suona alquanto bislacca: «Usando un cellulare l’utente è consapevole che il telefono si aggancia a una cella e quindi condivide per forza la propria localizzazione con la sua società di telecomunicazioni». Non si tratta dunque di dati privati ma di «dati commerciali», e dunque non protetti dalla Costituzione. Una corte del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.