closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Sem Terra brasiliani, 25 anni fa il massacro peggiore. Oggi studio, resistenza e alberi da piantare

Brasile. Il 17 aprile 1996 la pagina più sanguinosa della guerra scatenata dai latifondisti contro le lotte dei contadini brasiliani

Brasilia, 2014, al congresso del Movimento Sem Terra

Brasilia, 2014, al congresso del Movimento Sem Terra

25 anni dopo, il ricordo della strage di Eldorado do Carajás, la pagina più terribile della guerra dei latifondisti contro il Movimento dei senza terra, è ancora dolorosamente vivo. È IL 17 APRILE 1996 quando, al km 95 dell'autostrada PA-150, si scatena l'inferno contro i militanti del Mst, colpevoli di voler negoziare l'insediamento nelle terre improduttive della fazenda Macaxeira. Incaricata dal segretario della sicurezza pubblica del Pará, Paulo Sette Câmara, di sbloccare l'autostrada a qualsiasi costo, la polizia militare non se lo fa ripetere due volte. E spara: contro chi tenta di fuggire, contro chi giace a terra ferito, contro...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.