closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

«Se l’Europa è in crisi la colpa è dei Paesi fondatori, è ora di rivedere i Trattati»

Mario Giro, viceministro degli Esteri. "L’errore non è stato allargare l’Unione, ma accettare un allargamento debole in cui ogni paese poteva scegliersi le regole"

Viceministro Mario Giro i motivi di incertezza presenti oggi in Europa sembrano essere più numerosi di 60 anni fa. Erano molti anche allora. C'era uno spirito certamente innovativo ma l'Europa si unifica e comincia il suo lungo processo di integrazione proprio perché conscia della propria fragilità. Nel 1957 a dominare erano però lo spirito europeo e la voglia di lasciarsi alla spalle le guerre. Oggi le divisioni si ripropongono, non solo tra Est e Ovest, ma anche Nord e Sud Europa. Manca la spinta a unirsi del passato. La spinta a unirsi dell’inizio era la spinta di una élite. Solo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.