closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Sel divisa sull’Irpef

Sinistre. Il partito di Vendola vota no alla fiducia al governo. Ma sugli 80 euro restano le spaccature. In nottata dura riunione alla camera

Gennaro Migliore, capogruppo di Sel a Montecitorio

Gennaro Migliore, capogruppo di Sel a Montecitorio

Il no alla fiducia al governo Renzi, votata ieri a Montecitorio, era scontato. Ma è il voto finale sul provvedimento degli 80 euro che ieri notte, in una drammatica riunione dei deputati, ha spaccato quasi a metà il gruppo di Sel. L’ala ’migliorista’ ha annunciato la sua intenzione di votare sì già sabato scorso all’assemblea nazionale: «Nessuna drammatizzazione», aveva risposto Nichi Vendola, «discutiamone con laicità. Ma poi rispettiamo la decisione di tutti». Mentre il manifesto chiude il confronto va avanti. Ma l’aria che tira, nonostante la pacificazione di sabato (solo in dieci si sono astenuti sulla relazione del governatore) non...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi