closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Sei precario? L’Inps ora ti chiede un maxi rimborso

Il caso. Centinaia di lettere ai cococò della scuola, agli assegnisti e ai dottorandi. L’«una tantum» istituita da Berlusconi erogata per errore. Nidil e Flc Cgil: 4 mila euro, come una cartella pazza

Che faccia avranno fatto i precari che negli ultimi mesi hanno ricevuto una letterina dall’Inps con la richiesta di rimborsi a tre zeri? Possiamo solo immaginarcela: l’ultima beffa di uno Stato che si accanisce contro di loro, costringendoli ad anni di cococò, impieghi saltuari e disoccupazione, senza uscita. Adesso tocca all’istituto di previdenza, che chiede la restituzione delle indennità una tantum, erogate per la disoccupazione, a partire dal 2009: ha sbagliato e si scusa, ma i soldi devono tornare indietro. «Si tratta di centinaia di lettere, partite sin dal gennaio di quest’anno», denunciano Nidil e Flc Cgil, i sindacati che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.