closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Internazionale

Sei mesi senza Mario Paciolla e senza giustizia

Colombia/Italia. Il ricordo degli amici del volontario Onu morto in circostanze ancora da chiarire il 15 giugno scorso a San Vicente del Caguán. E il loro impegno per la ricerca della verità

Su un balcone del municipio di Napoli per Mario Paciolla

Su un balcone del municipio di Napoli per Mario Paciolla

«Said era in grado di immaginare un mondo in cui l’eredità del colonialismo potrebbe finire e un rapporto di uguaglianza nella differenza potrebbe prendere il suo posto nelle terre della Palestina. Capiva che il lavoro dell’immaginazione è centrale per la politica, senza una visione “irrealistica” del futuro, non si potrebbe fare alcun movimento nella direzione di una pace fondata su una giusta e duratura soluzione». Con queste parole la filosofa Judith Butler racconta Edward Said, autore di Orientalismo e uno dei maggiori critici dello sguardo colonialista nella cultura occidentale. Mario Paciolla deve aver letto Said o perlomeno deve essere entrato...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi