closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Segnalò ebrei e aderì a Salò: i leghisti gli dedicano una via

Como. Per il podestà fascista Airoldi la mozione al Comune di Erba. Alla proposta della destra per «meriti culturali» rispondono Anpi, sinistra e sindacati: lunedì presidio

Salvini con la sindaca di Erba, Veronica Airoldi, nipote del podestà Alberto

Salvini con la sindaca di Erba, Veronica Airoldi, nipote del podestà Alberto

Negli anni Novanta, quando giocava alla secessione, la Lega era solita sostituire i nomi delle vie che avevano riferimenti nazionali con quelli leghisti. Il più classico era la sostituzione di via Roma con via Padania o via Lega Lombarda. Lo fecero anche a Erba, nel comasco, dove oggi la Lega «non più Nord», insieme a Forza Italia e liste civiche del sindaco, vorrebbe intitolare una via a un podestà fascista che collaborò con i nazisti e partecipò alla Repubblica Sociale Italiana: Alberto Airoldi. Tutto parte da un appello ospitato a inizio luglio dal quotidiano locale La Provincia dove l’autore, lo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi