closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Sea Eye: «Abbiamo chiesto un porto sicuro a tutta l’Europa. Nessuno ha risposto»

Intervista a Carlotta Weibl. «A bordo abbiamo 65 naufraghi allo stremo delle forze, tra cui 39 minori. Il più giovane è un ragazzo di 12 anni. Si tratta di persone che hanno bisogno di cure sanitarie immediate, che si trovano in mare ormai da troppi giorni», spiega la portavoce della ong tedesca proprietaria della Alan Kurdi

Carlotta Weibl, portavoce Sea Eye

Carlotta Weibl, portavoce Sea Eye

Carlotta Weibl, portavoce di Sea Eye, la Ong tedesca proprietaria della nave Alan Kurdi, stacca qualche minuto l’orecchio dal satellitare di servizio per rispondere alle domande del manifesto. Da oltre venti giorni è in collegamento costante con l’equipaggio e soprattutto con il capo missione Gorden Isler che ieri ha denunciato come «negli ultimi giorni 44 rifugiati sono morti nel bombardamento di un campo-profughi e quindi la Libia non è un posto sicuro per nessuno. La Alan Kurdi non riporterà i naufraghi nell’inferno libico che restituisce «racconti di torture, violenze sessuali, traffico di esseri umani e omicidi. E il fatto che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.