closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Se l’arma detenuta legalmente diventa il modo più semplice per «farla finita»

Rivarolo Canavese. Un anziano pensionato uccide moglie, figlio disabile e i proprietari dell'appartamento, e poi tenta il suicidio

La strage di Rivarolo Canavese solleva più di un interrogativo sulle norme che regolano la detenzione di armi e su un fenomeno crescente negli ultimi anni: gli omicidi-suicidi in famiglia con armi legalmente detenute. I fatti innanzitutto: sabato scorso un anziano pensionato di 83 anni, Renzo Tarabella dopo aver ucciso a colpi di pistola la moglie, Maria Grazia Valovatto di 70 anni e il figlio disabile Wilson di 51 anni ha sparato e ucciso i proprietari dell’appartamento in cui viveva, Osvaldo Dighera di 74 anni e la moglie Liliana Heidempergher di 70 anni e poi ha tentato di suicidarsi. Non...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi