closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Se la sicurezza è tutto un programma

Platea da larghe intese per il libro di Marco Minniti. L’annuncio della candidatura alle primarie del Pd non arriva, atteso entro due giorni

Marco Minniti

Marco Minniti

Il colpo d’occhio al residence di Ripetta di Roma è d’altri tempi. Nella sala ci sono sei file «riservate» su dodici. Gianni Letta è il primo a chiamare l’applauso chiedendosi se il libro di Marco Minniti «Sicurezza e libertà» (Rizzoli), che viene presentato «sia forse una piattaforma politica». Fra i relatori c’è Walter Veltroni e l’arcivescovo Giovanni Angelo Becciu. In prima fila Massimo D’Alema, e come potrebbe mancare il padre politico dell’autore. Vicino a lui Zanda e Gentiloni, del Pd ci sono i liberal di diverse generazioni da Morando a Calenda, e gli ex dc da Fioroni a Rosy Bindi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi