closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Se riesplode l’Algeria, altro che caos libico

Escalation. Dietro la malattia di Abdelaziz Bouteflika infuria la lotta per il potere tra i clan rivali. E con il presidente ridotto al silenzio, ma in carica, i suoi uomini possono continuare indisturbati a saccheggiare le risorse del paese. Ma la catastrofe è dietro l'angolo

Il presidente algerino Abdoulaziz Bouteflika

Il presidente algerino Abdoulaziz Bouteflika

Chi si ricorda dell'Algeria? Sapete, quel piccolo paese grande come l'Europa occidentale sull'altra riva del Mediterraneo. Proprio di fronte alla Sardegna. Non si parla quasi mai dell'Algeria. Tranne se un gruppo di terroristi prende in ostaggio o taglia la testa a qualche cooperante occidentale. I media internazionali hanno sempre coperto pochissimo il paese nordafricano. Poche notizie ne escono. Anche la sanguinaria guerra civile degli anni 90 che ha falciato quasi 300 mila persone è stata una delle guerre meno documentate nella storia moderna. Sarà perché in Algeria tra un’uccisione di occidentali e un'altra non succede nulla? Non è così. L'Algeria...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi