closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Se al contadino sardo non piace il cardo

Business energetici. In Sardegna l’Eni cerca di imporre la coltura di una pianta dalla quale viene estratto l’olio necessario ad alimentare l’ex petrolchimico di Porto Torres. Ma gli agricoltori della Nurra si oppongono. Dietro la green economy, il fenomeno del "land grabbing" e gli affari che fanno gola alle grandi aziende. Le comunità cercano di impedire che l’economia dell’isola venga stravolta

La protesta degli agricoltori sardi e delle comunità

La protesta degli agricoltori sardi e delle comunità "impattate"

Per i contadini della Nurra, nel nord ovest della Sardegna, l’identità di una persona e di una comunità proviene dalla terra. La terra ci dice chi siamo, nutrendoci materialmente e culturalmente. Negli ultimi anni questa relazione è stata stravolta da decine e decine di progetti che puntano a rendere l’isola la regione campione della green economy, l’ultima frontiera del capitalismo verde. Zio Giacomo difende questa terra da anni, con la passione forte e dignitosa di un popolo antico. Insieme a suo nipote Giuseppe ha messo su una fattoria didattica e recuperato un antico pozzo Nuragico, testimonianza di un’antica civiltà. Come...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.