closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Scuola, un rientro «graduale» e simbolico prima di richiudere a Natale

Il caso. Il governo continua a valutare l'ipotesi di una riapertura tra il 9 e il 14 dicembre. Ma molti sono i nodi che restano irrisolti. Li approfondiamo, uno per uno. I sindaci incontrano la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina e chiedono certezze sul rientro. Massimo Galli: "Potrebbe essere un boomerang". Continuano le proteste degli studenti contro la didattica a distanza e per il rientro in classe in sicurezza

Protesta contro la didattica a distanza nel cortile del liceo Bottoni a Milano

Protesta contro la didattica a distanza nel cortile del liceo Bottoni a Milano

Entro mercoledì 9 dicembre, oppure lunedì 14 dicembre, il governo si è impegnato a fare tutto quello che non ha fatto in sei mesi tra la chiusura delle scuole a marzo e la riapertura a settembre. Il prossimo Dpcm potrebbe dare seguito all’annuncio fatto dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte sulla riapertura «graduale» delle classi prima di Natale compatibilmente con la «situazione epidemiologica». Questi sono i principali nodi da risolvere: aumento dei trasporti pubblici e privati; sistema di tracciamento delle infezioni; sdoppiamento delle classi e creazione di nuovi spazi compatibili con la didattica in presenza; medicina scolastica in collegamento con...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi