closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Scuola, le regioni frenano sulla riapertura del 7 gennaio

Salta il banco. A quattro giorni dalla riapertura al 50% delle superiori, prevista con il governo, le regioni frenano: il contagio è troppo alto. Bonaccini: «Il governo ci riconvochi se i dati preoccupano e prenderemo decisioni laiche». In Puglia rispunta l’opzione «Fai da te», in Campania si torna forse il 25, Zaia è perplesso. La protesta dei docenti romani con gli appelli e le denunce pubblicate sul sito del Manifesto: "Basta propaganda, vogliamo rientrare in sicurezza"

Manifestazione per la riapertura in sicurezza delle scuole

Manifestazione per la riapertura in sicurezza delle scuole

A quattro giorni dalla riapertura delle scuole superiori al 50%, e non al 75% come stabilito dal governo nel Dpcm del 3 dicembre scorso, il presidente della conferenza delle regioni e presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini ieri ha detto che l’orientamento potrebbe cambiare di nuovo: «Il governo ci riconvochi se i dati preoccupano e prenderemo decisioni laiche». Favorevole a un lockdown più lungo, Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Speranza, insiste sulla necessità di non riaprire fino alla metà di gennaio. Entro il 15 gennaio, quando nelle superiori dovrebbero esserci in presenza il 75% degli studenti un nuovo Dpcm...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.