closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Scuola, la differenza fa scandalo a Roma

Istruzione. La crociata della diocesi e della destra contro il progetto educativo delle associazioni Scosse e Archivia in nome della «famiglia naturale», predicata dal Cardinale di Genova e presidente della Cei Arnaldo Bagnasco. Ma il progetto di sensibilizzazione sulla parità donna-uomo, la pluralità dei modelli familiari e dei ruoli sessuali riscuote consensi tra le educatrici dei nidi e delle materne. E l’assessora Cattoi lo difende

In una scuola della Capitale

In una scuola della Capitale

Distruggono la «famiglia naturale» e stanno trasformando la scuola in un «campo di rieducazione» che sforna soldatini di una nuova «religione». La chiamano «ideologia del Gender»,in pratica un'educazione sessuale impartita ai bambini in nome della critica alla divisione dei ruoli sessuali nella famiglia.L'accusa che il cardinale di Genova, e presidente della Cei, Arnaldo Bagnasco ha rivolto ai volumi «Educare alla diversità a scuola» autorizzati dal governo Letta e diffusi nelle scuole primarie e secondarie ha avuto un antefatto a Roma. Nel novembre scorso l'associazione di promozione sociale Scosse, insieme al centro di documentazione delle donne Archivia, ha vinto una gara...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.