closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Scuola, il governo bocciato prova a ricucire lo strappo

L'accordo. Dal 2015, con lo sciopero generale, la reazione contro la riforma è stata possente. La ministra Fedeli spera ora di dare un inizio ordinato al prossimo anno scolastico. Intesa sulla mobilità sottoscritta con Flc-Cgil, Cisl, Uil scuola e Snals-Confsal

Manifestazione contro la Buona scuola

Manifestazione contro la Buona scuola

Più che uno smontaggio della Buona scuola, l’accordo sottoscritto giovedì dalla neo-ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli e Flc-Cgil, Cisl e Uil Scuola, Snals, è una manutenzione delle sconfitte politiche di Matteo Renzi e della sua ministra dimissionata Stefania Giannini, unica non confermata nella compagine governativa che rivendica «riforme» come il Jobs Act o lo Sblocca Italia. LA REAZIONE della scuola contro la più odiata delle riforme è stata possente: a maggio 2015, il più grande sciopero generale dell’ultima generazione; al referendum del 4 dicembre il Pd e il renzismo sono stati travolti anche dal No dei docenti. In particolare dei neo-assunti da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi