closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Scuola, «addio dad il 3 maggio». Ma i presidi sono scettici

«La scelta del governo è chiara. La scuola è una priorità nella sua azione. Ed è centrale nella vita del Paese, così come lo sono le prossime settimane nel percorso delle nostre studentesse e dei nostri studenti, in particolare di quelli che si apprestano a sostenere gli Esami di fine ciclo». Il ministro dell’Istruzione Bianchi conferma le intenzioni già espresse dal premier Draghi e risponde così indirettamente alle difficoltà elencate tra gli altri anche dall’Associazione nazionale Presidi nell’applicare il crono programma illustrato dal presidente del consiglio che prevede di ritornare alle lezioni in presenza già dal 26 aprile nelle zone...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi