closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Scontro tra treni: errore umano ma non solo

Andria. Notificati ieri i primi due avvisi di garanzia ai due capistazione, gli unici finora indagati dalla procura di Trani che coordina le indagini sulla strage. Il procuratore Francesco Giannella chiarisce che fermarsi ai primi responsabili della tragedia «è assolutamente riduttivo». Vanno perseguiti, dice, tutti coloro che hanno avuto un ruolo nella vicenda

I sopralluoghi di ieri sul luogo dello scontro dei treni tra Andria e Corato

I sopralluoghi di ieri sul luogo dello scontro dei treni tra Andria e Corato

Ci sono i primi due indagati nell’inchiesta sul tragico incidente dei treni in Puglia: due avvisi di garanzia sono stati notificati ieri dalla Procura di Trani ai due capistazione di Andria e Corato, Vito Piccarreta e Alessio Porcelli, che al momento risultano essere i due soli indagati nell’indagine per disastro ferroviario colposo ed omicidio colposo plurimo seguita allo scontro tra treni sulla tratta Corato-Andria. Nell’avviso di garanzia gli viene contestato di «aver cagionato l’incidente ferroviario che ha provocato il decesso di 23 persone e il conseguente ferimento di altri 50 passeggeri». Gli interrogatori si svolgeranno domani dinanzi ai cinque pm...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.