closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Scontro Italia-Ue, il giorno del giudizio. Tria «preoccupato»

Legge di bilancio. La fiammata dei mercati alla vigilia del primo verdetto di Bruxelles allarma il ministro. Di Maio: «Poi lo spread calerà». Danièle Nouy, Bce: «I problemi con le banche greche sono iniziati proprio così»

Il ministro dell'Economia Giovanni Tria

Il ministro dell'Economia Giovanni Tria

La data di oggi era cerchiata in rosso sin da prima che il braccio di ferro tra Roma e Bruxelles inziasse davvero. Era considerato sin da allora il giorno della verità, quello in cui la commissione avrebbe detto l’ultima parola sulla legge di bilancio italiana. Non sarà proprio così, perché nessuno vuole bruciare l’ultimo ponte. Anche se, come è quasi certo, la commissione proporrà oggi, nel quadro del giudizio complessivo sulle varie leggi di bilancio, l’avvio di una procedura d’infrazione contro l’Italia ci saranno ancora due mesi di tempo per provare a trattare, prima che il 22 gennaio l’Ecofin emetta...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi