closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

«Scolpite», le fotografe interpretano l’assenza delle donne nei monumenti

Mostre. Nella cornice del festival Brescia Photo, trentacinque sguardi per una statuaria femminile che cambi i connotati degli spazi pubblici

Foto di Patrizia Bonanzinga

Foto di Patrizia Bonanzinga

Il festival Brescia Photo si articola quest’anno intorno alla parola Patrimoni. Un argomento che, insieme alla conclusione dei lavori di restauro della Vittoria Alata, ha suggerito al gruppo di autrici dell’Associazione Donne Fotografe una riflessione sulla presenza - in realtà sulla reiterata assenza - della donna nella statuaria monumentale e negli spazi pubblici. Un vuoto che ha attraversato i secoli e «risuona» ancora oggi nelle nostre piazze e giardini. È nata così la mostra Scolpite, promossa dall’Associazione stessa e curata da Paola Riccardi (visitabile fino al 13 giugno a Palazzo Facchi), in cui trentacinque fotografe compongono un mosaico visivo, interpretando...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi