closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Sciopero dei sindacati di base contro il governo Draghi

La mobilitazione. La convergenza di 15 organizzazioni su un’agenda alternativa al «Patto per l’Italia. Non solo green pass: diritti, salari, casa, scuola, contro il Jobs Act e licenziamenti. Gli operai della Gkn: "Non vedremo mai i compagni del sindacalismo di base come concorrenti nel tesseramento o peggio come avversari. Avrebbe dovuto o dovrebbe essere la Cgil a dichiarare lo sciopero generale di massa"

Lo sciopero dei sindacati di base

Lo sciopero dei sindacati di base

Il primo sciopero contro il governo Draghi organizzato da 15 sigle del sindacalismo di base ieri ha portato in piazza migliaia di persone tra Roma e Firenze, Torino, Milano, Napoli e Bologna e poi Palermo, Catania, Trieste, Cagliari, Padova. Per l’Unione sindacale dibatte (Usb) un milione di persone avrebbe scioperato , 100 mila sono scese in piazza. In una quarantina di città la non scontata convergenza di un arcipelago della conflittualità sociale di sinistra ha aderito a una piattaforma politica articolata orientata verso un percorso di «costruzione dell’opposizione sociale» è stato detto in un sit-in al ministero della funzione pubblica...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.