closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Sciopero dei call center: “Basta delocalizzazioni”

Oggi lo stop degli operatori. Sindacati e imprese chiedono che si metta fine al meccanismo degli appalti al massimo ribasso e un intervento del governo sulla crisi del settore

Sciopero nazionale e manifestazione – oggi a Roma – dei call center. I dipendenti dei gruppi in outsourcing – 80 mila, fatturato 1,3 miliardi di euro – dicono no agli appalti al massimo ribasso e alle delocalizzazioni: «Tolgono lavoro e non garantiscono gli stessi clienti, i cui dati sensibili vengono gestiti da operatori esteri». Appello al governo condiviso anche dalle imprese: Assocontact Confindustria si dice allarmata da commesse sempre a più basso costo.

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi