closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

Scavalier Berlusconi, ex voto per un evasore fiscale

Silvio Berlusconi

Il Berlusconi ineleggibile, incandidabile, decaduto, interdetto per due anni (da quando Ruby gli aveva detto di averne 24) non è nemmeno più Cavaliere. Non che gli fossero mai interessati i cavalli. Però gli interessava lo stalliere.
I giudici hanno liquidato come irrilevanti le questioni di incostituzionalità sollevate dagli avvocati (Ghedini a Coppi: «Lo dicevo che dovevamo allegare al fascicolo l’Italicum!») e inconsistente l’obiezione che i due intendevano sollevare dinnanzi alla Corte di Strasburgo: «Decadenza e interdizione? È ingiusto che una persona abbia simultaneamente due condanne! Mentre che abbia simultaneamente tre televisioni è ok».

Protestano i fedelissimi. Per Cicchitto, che Berlusconi venga interdetto in seguito a una condanna a quattro anni, tre dei quali coperti dall’indulto, rappresenta una grave perdita per il paese (In effetti: tre anni sono tre anni). Per la vicecapogruppo forzista Bernini «Non può essere una sentenza politica a far fuori Berlusconi, e questa vittoria della sinistra è solo un’illusione!» (sì: sua che vede la sinistra). Per Alessandra Mussolini «Berlusconi è una vittima» e «un processo non può durare 13 anni che sono una vita» («…di una prostituta», ha aggiunto suo marito).

Per consolarsi, a Berlusconi resta l’onorificenza di statista che gli ha concesso Matteo Renzi invitandolo a scrivere a quattro mani la legge elettorale. Tanto che quando la Cassazione ha confermato l’interdizione, in seguito alla quale Berlusconi non potrà nemmeno più votare, Renzi ha commentato: «Pazienza, dai: un voto lo recupero subito».