closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Scarabeo sacro, un dio che repelle

Bestiario. Nonostante il suo istinto coprofago, l’insetto fu venerato da Fenici e antichi Egizi. Gli venne associato un simbolismo solare in considerazione del fatto che il rotolamento della palla di sterco e il suo interramento ben corrispondevano al corso dell’astro che ogni giorno scompariva nelle terre d’occidente

Potrà sembrare strano nei nostri tempi in cui il vivere in ambienti asettici e sterilizzati rappresenta un valore, ma una delle civiltà che ha prodotto forme sublimi di espressione artistica, quella egizia, ha avuto una vera e propria venerazione per degli organismi che oggi considereremmo come repellenti e disgustosi: dei bacherozzi che si nutrono di cacca. E non era una scelta dissennata, ma anzi antesignana di una raffinata coscienza ecologica. I bacherozzi in questione erano degli scarabei, così al centro dell’immaginario mistico-religioso egizio da assurgere a «sacri». Lo Scarabeo sacro (Scarabaeus sacer) è un coleottero che presenta una smodata predilezione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi