closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Sarno, una catastrofe che ha insegnato poco o nulla

Vent'anni dopo. Mattarella: tragedia favorita da uno sconsiderato sfruttamento del suolo. Legambiente: l’abusivismo non si è fermato

A Sarno dopo l'alluvione

A Sarno dopo l'alluvione

Una pioggia battente che per 72 non ha mai smesso di precipitare, i canali di scolo di epoca borbonica, che scorrono dalle falde del monte fin dentro i paesi, abbandonati all’incuria: così si è prodotta il 5 maggio 1998 l’alluvione di Sarno. Due milioni di metri cubi di fango si staccarono dalle pendici del monte Pizzo d’Alvano investendo i centri abitati circostanti, Quindici, Siano, Bracigliano, Episcopio e San Felice a Cancello, a cavallo tra le province di Salerno, Avellino e Caserta. I morti alla fine saranno 160, 137 nella sola Sarno. A due giorni dalla «colata nera» si contavano 3mila...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.