closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

Sardine, una sonora sveglia per la sinistra

Sarde subito. E’ come se il popolo democratico si fosse destato da un torpore, da un senso di impotenza e di depressione. Lasciando come regalo di Natale una carica di positività

Una piazza popolare, non populista. Una piazza contro i fascioleghisti e con il cuore a sinistra. Una mescolanza politica, culturale, sociale che oggi si fa sardina perché non sa più che pesci pigliare avendo maturato un disincanto profondo verso tutti i partiti, grandi, medi, minuscoli. Una piazza enorme a Roma, ma anche un appuntamento nazionale che simbolicamente ha riunito tutto il paese.

La voglia contagiosa di ritrovarsi esprime un desiderio altrettanto contagioso di liberazione contro l’asfissiante propaganda di una destra carica di odio e di menzogne. A un mese dalla prima manifestazione di Bologna “6000 sardine contro Salvini”, la multipolitico-partitica S.Giovanni di ieri chiude un’onda lunga di mobilitazioni contro chi «per troppo tempo ha tirato la corda dei nostri sentimenti», come hanno scritto nel loro bel manifesto le ragazze e i ragazzi di Bologna.

In modo semplice e diretto hanno spiegato la necessità di dare voce a una appassionata ribellione contro chi «per anni ha rovesciato bugie e odio su di noi approfittando della nostra buona fede, delle nostre paure e difficoltà, per rapire la nostra attenzione», mettendo così a nudo le debolezze e i sentimenti di impotenza dell’area democratica e di sinistra, che hanno permesso alle destre nazionaliste di stendere sul paese una spessa cappa di minacciosi messaggi, xenofobi e sessisti, contro ogni voce diversa.

Così è successo che le sardine di un giorno contro Salvini, si sono poi moltiplicate innescando un processo a catena, poderoso e inedito, che ha contrastato e sopraffatto la propaganda violenta del ridicolo uomo solo al comando.

Non era per niente facile vincere la sfida della comunicazione, oggi terreno principe della battaglia politica e ovunque nel mondo arma vincente delle destre.

Le sardine di Bologna ci sono riuscite e speriamo che continuando a nuotare nelle fredde acque dell’Emilia Romagna riescano a regalare a Salvini una sonora batosta. Perché se questo è un sommovimento che suona la sveglia a sinistra, non c’è dubbio che mette in difficoltà anche la funerea predicazione della destra.

Questo movimento non somiglia a nessun altro, è nato dal basso (e per questa ragione molto vulnerabile), e grazie ai quattro amici al bar che hanno fatto da detonatore, ha dato una salutare scossa al paese. E a chi chiede dove sono i contenuti bisognerebbe rispondere che le piazze sono politica, nuova politica come quelle dei ragazzi di Greta, delle donne, tutte in pacifica sintonia, dai giovanissimi del clima alle femministe contro la violenza alle sardine che riuniscono tutte le generazioni dai nonni ai nipoti.

L’inaspettata e sorprendente epidemia che ha riacceso le cento città della penisola senza l’ombra di una struttura organizzata, non si sovrappone ma si aggiunge ai contenuti e alle lotte dell’associazionismo, del volontariato, del mondo culturale. Ieri in piazza, il volto nazionale delle sardine, Mattia Santori, da un microfono improvvisato e un palco invisibile, ha detto che la funzione principale di questo movimento di opinione è fare da tramite tra il mondo politico e l’impegno civico. E ha chiesto ai politici e al governo di fare bene il loro lavoro, di svolgerlo non sui social ma nelle istituzioni, cominciando con il cancellare i decreti sicurezza, perché la parola d’ordine delle sardine è inclusione.

Di sicuro non si tratta di un partito nonostante i maniaci dei sondaggi già pretendano di pesarne la forza al borsino elettorale. E, a ben vedere, neppure ancora di un movimento se non nel senso fisico di muovere le piazze e riempirle con quelli che gli organizzatori chiamano flash-mob, mobilitazioni spontanee, intermittenti, estemporanee. E’ come se il popolo democratico si fosse destato da un torpore, da un senso di impotenza e di depressione. Lasciando come regalo di Natale una carica di positività.

E dopo tante parole,

passiamo ai fatti.