closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Sangue, passione e energia, le voci della Resistenza

Note sparse. Con «Sentieri Partigiani», i Sambene si fanno promotori di un progetto sulla memoria. Dieci brani in altrettante simboliche stanze, racconti di ragazzi uniti contro l’arroganza nazista

Dettaglio di copertina

Dettaglio di copertina

Qualcuno ha detto che ci salverà la bellezza, in questi tempi inariditi e di ferina scaltrezza tattica. Non basta: la bellezza, intesa come arte, nello specifico arte musicale, ci salverà solo se sarà accompagnata da verità e memoria. È una triade difficile, ma che sgorga facilmente, all’ascolto di Sentieri Partigiani / tra Marche e Memoria, il cd dei Sambene cui è stato assegnato il premio nazionale Anpi «Renato Benedetto Fabrizi». Dieci brani che, a fronte dell’oblio neghittoso che progressivamente sta invadendo le coscienze, con il subdolo trucco di parificare carnefici neri e gente comune che ha rischiato morte e tortura...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi