closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Sánchez si dimette nel caos. E il Pp ora vede il governo

Spagna. Nella guerra fratricida del Psoe vince l’ala ostile a Podemos. Rajoy spera

Pedro Sánchez (Psoe)

Pedro Sánchez (Psoe)

Il partito socialista è allo sbando, Pedro Sánchez perde e getta la spugna dopo un comitato federale che doveva chiarire il futuro del partito e che invece ha finito per farlo esplodere. Dopo una giornata convulsa, finalmente si decide di votare la proposta del segretario di congresso straordinario a novembre, con primarie tra tre settimane, giusto in tempo per poter formare il governo. Risultato: proposta respinta, con 133 voti contro 107. Alcuni dei membri dell’esecutiva che si erano dimessi mercoledì in polemica con Sánchez non hanno votato. A riassumere una giornata tesissima era stato alle sei Juan Antonio Pérez Tapias:...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi