closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Sánchez non è Corbyn

Spagna. L'ex segretario ha impegnato il Psoe più nell’evitare il sorpasso di Podemos che nell’aprire la prospettiva di un governo progressista. Ora il partito è nelle mani dei "generali" che battezzeranno il nuovo governo

Pablo Iglesias e Pedro Sánchez

Pablo Iglesias e Pedro Sánchez

Il 24 e il 25 ottobre si svolgeranno in Spagna le nuove consultazioni del re per la formazione del governo. È a questo punto altamente probabile che nascerà il nuovo governo di Rajoy, grazie al sostegno determinante del partito socialista. Per arrivare a questo obiettivo, il Psoe e tutti i poteri che sostengono la nascita di una grande coalizione (esplicita o implicita), hanno dovuto esautorare Pedro Sánchez, segretario del partito fino a 10 giorni fa. Nel Partito socialista spagnolo si è svolta nelle scorse settimane una guerra civile e l’hanno vinta gli insorti. Gli insorti sono i generali, cioè i...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi